Quali sono i migliori broker per investire in cannabis light?

La Cannabis è una pianta che viene utilizzata nei modi più disparati, partendo dall’uso tessile fino ad arrivare all’uso come sostanza stupefacente.

Ad oggi molti sono i Paesi che hanno legalizzato la Cannabis come ad esempio Washington, Olanda, Alaska, Colorado, Bangladesh e molti altri ancora.

Nel momento in cui parliamo di Cannabis legale facciamo riferimento alla Cannabis Light, ovvero la cannabis che possiede un THC dello 0,2% fino ad arrivare allo 0,5%.

La Cannabis Light è stata legalizzata anche in Italia, ma già da tempo esistevano le coltivazioni di Canapa a livello industriale. Quindi come abbiamo appena visto in Italia il principio attivo THC non deve superare lo 0,2%- 0,5%.

Di conseguenza oramai ci sono molti investitori interessati a investire nelle azioni Cannabis, gli investitori ci vedono molte opportunità per aumentare i propri capitali.

Quali sono sono i broker per investire nella Cannabis light

Ci sono molte piattaforme di trading online che danno la possibilità sia di comprare e vendere le azioni di questo settore tramite i CFD. I CFD sono dei prodotti finanziari che permettono di contrattare sulle azione senza però comprarle direttamente.

Trading CFD (Contract for Difference) o meglio strumenti derivati, che a differenza dell’investimento tradizionale, non si possiede realmente l’asset sottostante, perciò più sicuro al livello di investimento e anche economico.

sono molti investitori, piccoli o grandi che sono interessati ad investire nelle azioni della Cannabis, questo perché ci vedono delle buone opportunità per trarne dei sostanziosi profitti.

Questo lo si può fare utilizzando i broker di trading online che danno la possibilità sia di comprare che vendere questo tipo di azioni, ma senza possederle realmente, parliamo di Trading CFD.

I broker che vi permettono di fare questo sono molti, l’importante che prima di iscrivervi valutiate le spese e vi sincerate che abbiano le certificazioni di sicurezza.

Di seguito vi parleremo in particolare di alcune piattaforme che vi permetteranno di comprare azioni in modo sicuro e senza pagare commissioni.

Come scegliere il broker giusto

Sicuramente a questo punto avete maturato l’idea che investire in cannabis light è una buona opportunità.

Il broker su cui andremo a fare le contrattazioni, deve essere un broker intuitivo, semplice da utilizzare e che ci dia la possibilità di investire in cannabis light, o nei derivati, come ad esempio aziende che lavorano nel campo Bio-medico o di imballaggi, o anche nel settore tessile.

Il broker a cui affideremo i nostri dati e depositi dovrà darci la possibilità di utilizzare come abbiamo detto in precedenza i CFD. in modo tale da non dover acquistare le azioni delle società ma di contrattare sulle variazioni economiche.

Il broker dovrà anche possedere commissioni basse e spread ugualmente basso. Inoltre vi consigliamo di iniziare tramite il Conto Demo, un conto totalmente gratuito. Il Conto Demo è un conto che simula le operazioni di trading.

Perché utilizzare i CFD

Procedere con l’acquisto concreto dei titoli di aziende che operano nel campo della Cannabis è abbastanza rischioso e costoso, ecco perché utilizzare i CFD. Questa è una delle alternative tra quelle che il trader può scegliere.

Con i CFD infatti si specula sulle variazioni del prezzo del titolo Cannabis sia in accrescimento che in diminuzione. Questo più precisamente vuol dire che si ha la possibilità di aprire posizioni Long se si pensa che il valore delle azioni salirà, oppure si ha la possibilità di vendere e quindi di aprire posizioni Short se si pensa che il valore delle azioni scenderà.

Vedendoli così i CFD sono semplici da utilizzare, ma questo non toglie che si tratta sempre di uno strumento che comporta i suoi rischi.

Con i CFD bisogna fare attenzione alla Leva Finanziaria, ovvero al moltiplicatore che permette ai trader di investire soltanto una piccola somma del proprio capitale.

La Leva Finanziaria come aumenta i guadagni fa lo stesso con le perdite. Un modo che i broker mettono a disposizione, per tutelarsi è l’utilizzo dello Stop Loss che una volta attivato chiude la posizione in automatico quando il prezzo del titolo raggiunge il valore impostato. In questo modo si riescono a contenere le perdite.

Le principali aziende su cui di può fare Trading Online

Di seguito vi citiamo solo alcune delle maggiori aziende che si occupano di Cannabis, sia la livello di produttori mondali su cui è possibile fare Trading online, che di al livello di medicale.

  • Aphria (società canadese quotata anche negli Usa) mercato Nyse (APHA);
  • Aurora Cannabis (società canadese quotata anche negli Usa) mercato Nyse (simbolo ACB);
  • Canapy Growth (società canadese quotata anche negli Usa) mercato Nyse (CGC);
  • Cara Therapeutics (società statunitense) mercato Nasdaq (CARA);
  • GW Pharmaceuticals (società inglese quotata negli Usa) mercato Nasdaq (GWPH) con Ads.

Queste sono alcune delle aziende quotate in borsa, su cui si può contattare tramite i CFD, vi rammentiamo di fare trading online in modo consapevole senza rischiare il vostro capitale.

AngeloDiPorto

Esperto in finanza e trading online, laureato presso La Sapienza università di Roma Economia, organizzazione aziendale e struttura di impresa.